Menu

Gli ombrelli italiani che vincono la globalizzazione

Dress&Impress
Categories
  • Nessuna categoria

Compleanni, ricorrenze, ringraziamenti: che regalo fare?

Vorrei qualcosa di ricercato, non usuale, che non si vede tutti i giorni. Qualcosa che possa stupire anche chi ha tutto. Un ombrello? Si, hai capito bene! Un ombrello. Quello che ormai compriamo dagli ambulanti quando piove e di solito è brutto, di pessima qualità, uguale ad altri centomila. In Italia c’è una donna, figlia d’arte, che degli ombrelli è regina: Eva Giacomini. Eva è figlia di Ernesta Pasotti, nella foto, fondatrice della Pasotti, azienda che oggi, nell’era della globalizzazione, produce ed esporta 40.000 ombrelli l’anno. Negli anni ’50 Ernesta Pasotti, da dipendente di un ombrellificio di Milano, torna al paese natìo, nella campagna modenese, apre l’attività in un rustico e comincia a produrre ombrelli vendendoli personalmente in sella al suo motorino.

Di generazione in generazione una storia italiana.

Chic&Elegant

Gli ombrelli di Eva sono bellissimi. Guardare il catalogo per credere. Da donna, da uomo, pieghevoli, su misura, doppi, con i manici d’argento, di legno pregiato, colorati, animalier, cangianti, tutti, tutti bellissimiNella gallery abbiamo scelto questi. E tu? Da Pasotti non solo gli ombrelli parlano di cura, ricerca, materiali preziosi, dettagli. I bastoni sono bellissimi.  I calzanti sono delle opere d’arte.  

Brava Eva!

This is a unique website which will require a more modern browser to work!

Please upgrade today!